News


  • Prima nidificazione di Gabbiano corso (Larus audouinii) sul versante adriatico italiano… a Polignano a mare (BA)

    Nello scorso mese di giugno, nell’ambito dei consueti monitoraggi dell’avifauna acquatica svolti periodicamente lungo la fascia costiera tra Margherita di Savoia e Brindisi, i tecnici del Centro Studi de Romita sono stati protagonisti di una scoperta a dir poco eccezionale: una nidificazione di Gabbiano corso Larus audouinii, lungo le coste di Polignano a mare (BA). La colonia è stata costantemente monitorata sino all’involo dei giovani, avvenuta entro la prima metà di luglio. Questa scoperta è di estremo interesse scientifico perché documenta la prima nidificazione sul versante adriatico italiano di una specie a forte rilevanza conservazionistica. Il Gabbiano corso è infatti l’unico laride endemico del Mediterraneo, con le principali popolazioni nidificanti concentrate in Spagna, Italia e Grecia. La specie è protetta da numerose normative nazionali ed internazionali. In particolare:

    -è elencata tra le “specie prioritarie” incluse nell’All. 1 della  Direttiva 2009/147/CE “UCCELLI”, per le quali si prevedono “misure speciali di conservazione per quanto riguarda l’habitat, per garantire la sopravvivenza e la riproduzione di dette specie nella loro area di distribuzione”;

    -è classificata da BirdLife International come “SPEC” (“specie europee di interesse conservazionistico”) di categoria 1 (“specie presente in Europa e ritenuta di interesse conservazionistico globale, in quanto classificata come gravemente minacciata, minacciata, vulnerabile prossima allo stato di minaccia, o insufficientemente conosciuta secondo i criteri della Lista Rossa IUCN”);

    -è considerata “NT” (quasi minacciata) nella Lista Rossa IUCN dei Vertebrati Italiani;

    -è inclusa nell’All. III della Convenzione di Berna (specie della fauna protette);

    -è inclusa nell’All. 1 della Convenzione di Bonn (“specie minacciate, per le quali gli Stati contraenti si impegnano a conservare e, dove possibile e appropriato, ripristinare l'habitat, prevenire, eliminare o minimizzare gli effetti negativi degli ostacoli alla migrazione”);

    -è particolarmente protetta dalla L. 157/92 sulla conservazione della fauna omeoterma;

    -è oggetto di un apposito “Piano d’Azione Nazionale per il Gabbiano corso”, redatto nel 2001 dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio – Servizio Conservazione Natura e dall’Istituto Nazionale per la Fauna Selvatica (oggi ISPRA).

    Il Centro Studi de Romita, dopo aver documentato e monitorato l’evento, ha inviato una comunicazione scritta agli organi competenti (Ministero dell’ambiente, ISPRA, Regione Puglia, Capitanerie di porto e Comune di Polignano a mare) affinché sia subito attivato un tavolo di confronto tra le parti, alla luce di quanto espressamente richiesto dalle normative sopraelencate.

    Questa nuova colonizzazione da parte di una specie di così grande interesse conservazionistico, non deve assolutamente essere considerata come una limitazione allo sviluppo e alla fruizione turistica della zona. Al contrario, se ben gestita e opportunamente tutelata, potrà rappresentare un ulteriore punto di forza, per lo sviluppo di un turismo sostenibile in un territorio già prospero di bellezze naturalistiche, paesaggistiche e culturali.

    La scrivente Associazione si rende disponibile a fornire eventuali chiarimenti e/o approfondimenti tecnici, per i quali si invita a contattare il referente per il CSdR dei monitoraggi dell’avifauna acquatica, il Dr. Cristiano Liuzzi (cristiano.liuzzi@gmail.com).

     

     

     

    Bari, 28 luglio 2016                                                               Il Presidente del CSdR

                                                                                                  Dr. Filippo D’Erasmo

     

  • 11-14/09/2013. Il CSdR al XVII Convegno Italiano di Ornitologia.

Il CSdR presenta i risultati della revisione della collezione ornitologica del mitico Professore al Il XVII Convegno Italiano di Ornitologia che si tiene a Trento presso il Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Trento, in via Tommaso Gar 14.

  • 24/07/2013 "Avifauna pugliese" su Ambient&Ambienti.

E' stata pubblicata dal Magazine online Ambient&Ambienti, la recensione del nostro Volume Avifauna pugliese, visionabile qui:

Recensione Volume Avifauna pugliese
  • 03/05/2013 Presentazione del Volume Avifauna pugliese

Il CSdR è lieto di presentare il volume "Avifauna pugliese...130 anni dopo - dalla revisione della Collezione di Vincenzo de Romita, alla realizzazione della nuova Check-list", redatto a conclusione del progetto "Museo de Romita".

Vi aspettiamo presso l'aula magna dell'Istituto Pitagora il 3 Maggio 2013 alle ore 10:00.


  • 27/10/2012 Biodiversamente - il festival dell'ecoscienza

Anche quest'anno il CSdR aderisce all'evento "Biodiversamente", ideato e sviluppato dal WWF Italia in collaborazione con ANMS (Associazione Nazionale Musei Scientifici). Per l'occasione il museo de Romita sarà aperto dalle 9 alle 13 di sabato 27 ottobre a chiunque voglia godere delle meraviglie al suo interno custodite, con la possibilità di usufruire gratuitamente delle guide dell'Associazione.

Per maggiori informazioni su Biodiversamtente, visita il sito dell'iniziativa.

  • 26-30/09/2012 Congresso Nazionale della Societas Herpetologica Italica

Presso l'istituto IISS Pitagora, che ospita il museo, si terrà il IX Congresso Nazionale della Societas Herpetologica Italica, associazione scientifica che promuove la ricerca erpetologica di base e applicata, la divulgazione delle conoscenze sull'erpetofauna e la protezione degli Anfibi e Rettili e dei loro habitat.

Per maggiori informazioni, clicca qui.

In occasione della giornata di apertura saranno presentati i risultati del Progetto "Museo de Romita" all'interno di un apposito Workshop...Non mancate!

  • Giugno 2012

Richiesta (e concessa) una proroga per la realizzazione di un testo didattico/scientifico dedicato alla collezione zoologica del Museo.

  • Maggio 2012

I percorsi tematici sono pronti, ora mancano solo "le pulizie di primavera"...

  • Marzo 2012

Allestita la sezione dedicata all'illustre Professore grazie al quale, il museo esiste.
Grazie Prof. de Romita!

  • Febbraio 2012

Terminati i lavori di revisione della collezione. I reperti, catalogati e divisi in base allo stato di conservazione, sono stati predisposti per la sistemazione in percorsi tematici e didattici.

  • Gennaio 2012

Le porte del Museo aprono per le visite tematiche (quattro) dedicate agli studenti delle scuole medie inferiori in occasione delle giornate di orientamento volte alla scelta, da parte degli stessi, della scuola superiore alla quale iscriversi.

  • 22-23/10/2011 Apertura straordinaria del museo

Apertura straordinaria del museo per il progetto Biodiversamente WWF Italia in collaborazione con l’Associazione Nazionale Musei scientifici, una sorta di festival dell’ecoscienza che coinvolge centinaia di musei, orti botanici, acquari e oasi sparsi in tutta Italia.

  • 01/10/2011 Iniziano i lavori con i consulenti dell’ISPRA

Inizia il lavoro di ripristino della collezione con la supervisione dei ricercatori dell’ISPRA.

  • 30/09/2011 Presentazione ufficiale del progetto

Il 30 Settembre presso l’Istituto ospitante “Pitagora” viene presentato ufficialmente il progetto con la partecipazione di partner e collaboratori. In occasione di tale evento sarà possibile visitare la collezione accompagnati dagli operatori del CSdR.


Questo sito utilizza cookies per offrirti il miglior servizio possibile. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformita` alla nostra Cookie Policy.